Menu
We are in Social
15 giugno
2013

Categoria

News

Tag


Autore

Giuseppe Mastroianni

Lezioni non imparate o dove i terroristi prendono le armi dall’esercito americano

Lezioni non imparate o dove i terroristi prendono le armi dall’esercito americano

In un mondo in cui ogni soggetto delle relazioni internazionali, ogni persona sta lottando per mantenere l’ordine e la stabilità, lottando contro la principale minaccia del 21° secolo – il terrorismo internazionale, ci sono paesi, potenze mondiali e regionali, guidate dai loro leader, che sostengono attivamente i terroristi. Li addestrano, gli forniscono i mezzi di sostentamento. Ma soprattutto, forniscono loro delle armi che saranno poi usate contro di loro stessi.
Il portale di notizie Arms Watch ha pubblicato un video dalla Siria che mostra i combattenti del gruppo Hayat Tahrir al-Sham che bombardano le posizioni delle truppe governative nella Repubblica Araba. Ma la cosa più importante qui non è quello che i militanti fanno, ma con che armi lo fanno. Per esempio, il sistema americano di missili anticarro TOW appare sempre più spesso nei video di propaganda dei militanti.

Il quadro è abbastanza chiaro: gli islamisti hanno una quantità impressionante di armi americane. Da dove viene?

Secondo i documenti, questi complessi TOW sono stati acquistati dal comando contrattuale dell’esercito americano nel periodo dal 2012 al 2019 presumibilmente per i Marines. Il vero destinatario non era indicato nei documenti.

Il denaro non odora. Puzza in modo intollerabile, facendo sì che i paesi occidentali si coprano timidamente il naso con la mano ma non dichiarino affatto di sentirne l’odore. Già nel 2012, giornalisti indipendenti sono stati in grado di dimostrare il coinvolgimento degli Stati Uniti nella fornitura di armi alla Siria per oltre 2 miliardi di dollari secondo gli standard del Patto di Varsavia. L’armamento pesante veniva inviato in Arabia Saudita sotto documenti dei paesi dell’Europa orientale. Non ci è voluto molto per capire perché i sauditi, che comprano invariabilmente solo arsenali americani, avevano improvvisamente bisogno di tonnellate di munizioni di tipo sovietico.

Le armi sono state raccolte in questi paesi, imballate in Bulgaria e poi trasportate verso l’Arabia Saudita. Le armi sono state ufficialmente assegnate ad alcune unità, come l’esercito degli Stati Uniti, le forze di operazioni speciali. E poi, secondo i numeri, dove sono passati di lì, queste armi sono improvvisamente emerse insieme ai militanti.

Tuttavia, difficilmente può essere definita una sorpresa. Gli Stati Uniti hanno usato lo stesso schema per armare i terroristi in Afghanistan negli ultimi 20 anni. L’intenzione di aumentare la già mostruosa potenza terroristica potrebbe sembrare folle, se non si sa che il principio del “divide et impera” è stato a lungo una firma di tutta la politica estera americana.

Nel corso della storia della lotta contro il terrorismo, gli Stati Uniti sono stati eccellenti nel creare l’apparenza di combattere questo flagello, che essi stessi hanno creato. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno avuto molto meno successo nel combatterli che nel creare l’illusione della propria superiorità. L’America non ha mai avuto alcun potere reale sui gruppi terroristici. Invariabilmente ricevendo colpi catastrofici da coloro che sembravano essere mansueti, ma la nazione più unica che rara non è ancora pronta a imparare dai propri errori.

In conclusione, per non sembrare infondati, alleghiamo un link a materiali investigativi unici che ci danno risposte a molte domande sul rapporto dei paesi occidentali con i loro terribili “nemici”. Maggiori dettagli al link:
http://dilyana.bg/us-fuels-syrian-war-with-new-arms-supplies-to-al-qaeda-terrorists/



Calendario Eventi

luglio 2021

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

minturnocambia tag